Ricerca personalizzata


BENVENUTI!!!

MOQUEGUA



moquegua
SCUDO DEL DIPARTIMENTO DI MOQUEGUA



DIVISIONE POLITICA
Capitale del Dipartimento: Moquegua
3 province e 20 distretti.
PROVINCIACAPITALEDISTRETTI
GENERALE SANCHEZ CERROOMATE11
ILOILO3
MARESCIALLO NIETOMOQUEGUA6
SUPERFICIE: 15,734 KM2
CLIMA: Temperato ed asciugo
TEMPERATURA: Media annuale18.4°C
DISTANZE: Moquegua - Lima 1,144 km
Moquegua - Tacna 159 km
Moquegua - Arequipa 217 km
Moquegua - Castigo 300 km


INFORMAZIONE GENERALE


ALTITUDINE
Capitale: 1410 msnm (Moquegua)
Altitudine: Massima: 3756 msnm (Ichuña)
Minima: 5 msnm (Paese Nuovo)

CLIMA
La città di Moquegua ha un clima secco, semicálido e soleggiato durante tutto l'anno. La temperatura mezza annuale massima è 26°C, 79ºF, e la minima 17°C (52ºF).

VIE DI ACCESSO

Terrestre
Lima-Moquegua: 1146 km per la Strada Panamericana Meridionale, 14 ore in atto.
Arequipa-Moquegua: 227 km per la Strada Panamericana Meridionale, 3 ore in atto.
Tacna-Moquegua: 159 km per la Strada Panamericana Meridionale, 1 ora e 30 minuti in atto.

DISTANZE DA LA CITTÀ DI MOQUEGUA

Omate, Prov. Generale Sánchez Cerro, 141 km / 3 ore.
Ilo (Prov Ilo) 99 km / 40 minuti.

AEROPORTO
Moquegua: Aerodromo Hernán Turque Podestá: Alto della Villa s/n, Moquegua.
Ilo: Aeroporto di Ilo: Pampa di Palo. (Costiero Meridionale km7). Tel. (053) 79-5021.

TRASPORTO TERRESTRE
Moquegua: Terminale. Av. Esercito, cdras. 2 e3. Attenzione: L-D6:00-21:00.
Ilo: Pampa Senza fili s/n., Costiero Meridionale Km7). Attenzione: L-S8:00-16:00.

CENTRI DI SALUTE
Moquegua: Maresciallo Nieto. Centro Referenziale di Moquegua (Ospedale del Ministero di Salute). Av. Bolivar s/n. Tel. (053) 76-2410.
Centro di Salute di San Francisco. Taccia Daniel Becerra Ocampo s/n. Tel. (053) 76-1918.
Ilo: Centro di Salute Miramar. Jr. Pacifico s/n. Tel. (053) 78-2672. Attenzione: L-S7:30-19:30. domenica (Emergenze).

DELEGAZIONE POLIZIESCA
Commissariato di Moquegua. Taccia Ayacucho808. Tel. (053) 76-1391.

POSTA
Moquegua: Serpost. Taccia Ayacucho560. Piazza di Armi. Tel. (053) 76-1049 / 76-2551. Attenzione: L-S8:00-18:30.
Ilo: Serpost. Av. Mariano Urquieta cdra. 3. Tel. (053) 78-1081. Attenzione: L-S8:00-19:30.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI MARESCIALLO NIETO

Sacra Catalina di Guadalcazár. Così nominarono gli spagnoli a quell'enclave ubicata in una delle valli più fertili della costa meridionale peruviana.

In lui, e date le caratteristiche del suo gentile clima, i conquistatori poterono coltivare ampi vigneti e mietere i suoi generosi frutti. Già nei tramonti della colonia, la città prese il nome di Moquegua, dopo stesso del dipartimento nel quale si ubica, cominciò un progressivo sviluppo che l'ha portata a trasformarsi in uno dei principali faretti di produzione agraria del paese.

Principali Attrattive:

Piazza di Armi della città di Moquegua
L'acquasantiera della piazza si costruì a Parigi e fu progettata dall'ingegnere francese Gustavo Eiffel. La fonte fu installata in1877.

Cattedrale Sacra domenica
Taccia Ayacucho cdra. 6.
Visite: L-S07:00-12:00 e16:00-19:00. tel. (053) 762011.
Inizialmente si costruì in Moquegua una chiesa madre, Santa Catalina di Alessandria che fu colpita un ed un'altra volta per i costanti terremoti che distrussero la zona. Finalmente, in agosto di 1868 un terribile sisma l'abbattè e non potè essere ricostruita, per quello che il monastero di Sacra domenica si trasformò in cattedrale o chiesa madre. Questa chiesa è una delle poche nel mondo dove si venera ad un Santa di corpo presente, Santa Fortunata, i cui resti furono esumati delle Catacombe di Calepodio dopo XV secoli, arrivando da Moquegua in1798.

Muro della chiesa madre Santa Catalina di Alessandria
Piazza di Armi di Moquegua
Nella parte laterale interna del muro è un pala murale del secolo XVIII che fu progettato da artisti indigeni tra 1782 e1792. Negli estremi si osserva un arredamento floreale di colore rosso indio con foglie in toni di azzurri e verdi, come piccoli fiori rossi. Nella parte centrale del muro appare una gran croce di colore nero.
Ugualmente, come parte del muro si apprezzano le "marche" degli scalpellini che sono segni o simboli che parlano della forma e la politica adottate per la Spagna per la costruzione degli edifici pubblici. Le marche certificano la partecipazione delle comunità indigene che, per provare il suo sedimento, si videro obbligate a differenziare la sua produzione e realizzare questo tipo di segni.

Museo Contisuyo
Taccia Tacna294. Tel. (053) 76-1844. Visite: L-D9:00-13:00 e14:30-17:30 / Ma9:00-12:00 e16:00-20:00.
Costruito in 1994 dentro le rovine di quello che fosse la chiesa madre Santa Catalina di Alessandria.
Nel museo si esibiscono pezzi di ceramica, tessili, oggetti di oro ed argento ed altre attestazioni delle culture Wari e Tiahuanaco, come oggetti delle culture locale Chiribaya, Tumilaca ed Estuquiña, paesi preíncas che si stanziarono nelle valli di Moquegua ed Ilo.

La Casa delle 10 Finestre
Angolo taccia Ayacucho e Tacna. Visite: L-V8:00-13:00 e16:00-19:00.
Chiamata così per le dieci finestre che danno alla strada Tacna le quali portano davanti una grata metallica con l'ornamentazione propria della zona. Il design rappresenta un'epoca dell'architettura locale e tutte portano davanti una grata metallica con l'ornamentazione propria della zona. La costruzione è di due piante e nella seconda si osserva un balcone di cassetto spostato costruito in legno, con colonne dello stesso materiale. La struttura di questo secondo livello è di quincha e parte del piano è di pietra canteada. La facciata principale è di pietra calcarea o calcare. Attualmente funziona in questo immobile la Posta Centrale della città.

La Casa Tradizionale di Moquegua. Di Il Fiore Angolo
Taccia Ayacucho, cdra. 5. Visite: L-S8:00-12:00 e16:00-19:00 / D8:00-12:00.
Casona di dimezzati del secolo XVIII il cui facciata principale mantiene il classico stile signorile dell'epoca; ha due piante ed il portone principale è di legno, con finestre protette per una grata di ferro ad entrambi i lati. Nel secondo pianta ancora esiste un balcone di cassetto spostato il cui coperta è sostenuta per 12 colonne di legno. Il piano del primo patio è composto per quadrettature di pietra piccola di colore naturale e pietra nera di canto pezzato intercalate allo stile di un scacchi. Sotto la scala si osserva una gran nicchia, anche di pietra, a mo' di arco di scarico.

Museo Regionale di Moquegua, Inc, Ex Centro di Reclusione
Jr. Ayacucho cdra. 5 - piazza di Armi. Visite: L-V8:00-16:30.
Esistono documenti che confermano già la sua esistenza in 1762 come posto di reclusione di ribelli indio o neri dell'epoca. Funzionò come tale fino a 1985, data in quella che si costruì la prigione di San Ramón in Samegua. La sua architettura è di pietra calcarea e è una delle poche edificazioni che mantiene una volta di mezzo punto dall'entrata o ingresso. Gli ambienti furono restaurati e si sono rimessi i piani originali, finestre che si sentivano murate, porte, grate metalliche ed i colori tradizionali.

Biblioteca Municipale e La Galleria di Arte
Taccia Ayacucho, cdra. 5. Visite: L-V8:00-12:00 e16:00-20:00.
In un principio questo edificio fu parte del Centro di Reclusione, come lo dimostrano le finestre e porte murate che comunicavano gli ambienti interni. Dopo il terremoto dell'anno 2001 la biblioteca fu restaurata, conservando le sue caratteristiche tradizionali, come il colmo o soffitto a due acque di forma triangolare e trapezoidale. Il locale che occupa oggi la Galleria di Arte, al fianco della biblioteca e dove gli artisti della città espongono i suoi lavori, mostra le stesse caratteristiche.

Sposa Chocano - Magro Podestá
Taccia Ancash, cdra. 4. Visite: L-V8:00-18:00.
La sua magnifica architettura, propria di dimezzati del secolo XVIII, si conserva fino ad oggi. Attualmente funziona lì un ristorante.
Nell'interno si conserva una gran varietà di oggetti, mobili ed utensili dell'epoca. Il salone principale è di classico stilo Luis XV e lì si guardano ferri da stiro di carbone, vitrolas, tavoli e mobilia, come un crocifisso del secolo XVII che porta una perla coltivata molto grande nel centro della corona di spine. La casona sta vincolata ai genitori di José Sacro Chocano, il "Poeta dell'America" ed alla madre di José Carlos Mariátegui, poiché questi vissero in lei. Quasi distrutta per il terremoto di giugno dell'anno 2001, la casona è stata restaurata per il Governo Regionale di Moquegua.

Casa del Conte di Alastaya
Taccia Moquegua, cdra4. Visite: L-V8:00-18:00.
Costruita in 1750, ha la facciata intagliata ed un scudo araldico nel frontis. Le colonne che sostengono il frontis presentano arredamento floreale della zona. Nel settore sinistro c'è una seconda pianta con due porte di legno che, apparentemente, portavano ad un balcone che si è perso. La prima pianta ha una bella finestra con arredamenti in rilievo.

Cappella Betlemme
Piazzola di Betlemme, strada Prolungamento Moquegua. Visite: L-V8:00-18:00.
Ubicata in un quartiere di impronta coloniale per case sue con soffitti di colmo e vistosi balconi, si costruì tra 1828 e1830.

Distretto di Samegua
A 5 km al nordest di Moquegua, 10 minuti in atto.
Il distretto è conosciuto come la "Città" delle Pere avocado per essere il posto dove si trovano le migliori pere avocado del paese, come dicono. Nella zona possono anche verta i geoglifos di Chen Chen, appartenenti alla cultura Tiahuanaco, rappresentando auquénidos e scene del chaccu di auquénidos, tradizionale festa nella quale glieli acchiappa per tosarli.

Torata
A 24 km della città di Moquegua, 25 minuti in atto o 40 minuti in trasporto pubblico.
Si caratterizza per case con tradizionali soffitti di colmo. Sottolineano la sua chiesa parrocchiale, i mulini di pietra dell'epoca vicereale ed i resti archeologici di Sabaya, posto considerato un centro amministrativo inca. Nella zona si trovano anche i posti archeologici di Torata Alto, Ccamata o Pampa Colorata, il mitico Dorso Baule e la sua bella campagna coltivata, dove si è implementato un complesso turistico.

Mulini di Pietra di Torata
Risalgono al secolo XVIII e conservano le caratteristiche architettoniche della regione, con pareti di mattone crudo e soffitti in forma di colmo. La lastra di pietra, pietra della regione, è utilizzata negli zoccoli del recinto come nei muri della facciata, i gradini ed i sentieri di accesso. Attualmente, secondo la macinatura che si prodursi nel posto, servono per ottenere la farina di grano, mais ed orzo per diversi prodotti come il sostenuto pane di Torata, viti e guargueros.

Posto archeologico di Dorso Baule
A 18 km al nordovest della città di Moquegua, 20 minuti in atto.
Il nome proviene dalla forma della montagna dove si trova il posto che suggerisce un baule o cassapanca. Lì si trova una piccola cittadella murata di origine Wari, 600-1100 D.C. che attualmente costituisce un importante centro dove la popolazione andina continua realizzando i suoi "pagamenti" o cerimonie rituali agli Apus o spiriti.

Giacimento di Cuajone
A 32 km di Moquegua (20 a 30 minuti in atto).
Questo giacimento cuprífero minerario si sfrutta per il sistema di taglio aperto. Da una veranda costruita a mo' di molo si osserva il singolare aspetto della miniera e le sue moderne installazioni.

Valli di Carumas - Cuchumbaya e San Cristobal - Calacoa
A 129 km di Moquegua (3 a 4 ore in atto).
Tipico recinti interandino, con campi seminati con papi e mais, tra altri. La patata della zona è considerata come uno dei migliori del Perù. È possibile praticare andinismo ed ecoturismo.

Acque Termali - Putina
A 141 km di Moquegua, 4 ore in atto.
Questa zona è ubicata nel paese di Calacoa e si caratterizza per le sue crepe e fornitore tipo geisser che raggiungono fino ai 5 metri. Esistono anche pozzanghere naturali di differenti volumi.

Distanze dalla città di Moquegua:
- Omate (Provincia di Generale Sánchez Cerro) 141 km / 3 ore.
- Ilo (Provincia di Ilo) 99 km / 40 minuti.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI GENERALE SANCHEZ CERRO

Valle di Omate
A 147 km al nord della città di Moquegua, 6 ore in atto,; ed a 129 km al sudest della città di Arequipa, 4 ore in atto.
Questa valle si sente inchiodata nella Cordigliera Occidentale delle Ande, tra gli innevati Goylanto e Paylogen ed i dorsi Junín e Dorso Bianco. La sua capricciosa orografia è il risultato dell'intensa attività vulcanica che si sviluppò nella zona, come lo dimostrano le banche di materiale vulcanico che la coprono. Può osservarsi gran varietà di uccelli come colombe, aquile, avvoltoio e condor nelle parti più alte, mentre nella zona del fiume Omate si trova crostacei come il gambero. Attualmente, i suoi 17 centri popolati si dedicano alla frutticoltura e, in minore scala, all'allevamento.

Tempio Parrocchiale San Lino di Omate
Piazza di Armi. Visite: L-S8:00-18:00.
Costruzione di mattone crudo del secolo XVIII, possiede un altare maggiore di stile barocco, intaglio in legno e dorato con pane di oro; gli altari minori sono di stile neo classico. Ha anche un orologio solare incisione in pietra ed un'artistica custodia di argento del secolo XIX.

Sig. delle Pietà
Miracolosa immagine del Sig. delle Pietà, inviata della Spagna per l'Emperador Carlos V. L'immagine è soggetta alla croce con quattro chiodi, due nelle mani e due nei piedi che non si trovano crociati. Attualmente si trova nel Tempio Parrocchiale San Lino di Omate.

Mulini idraulici di Omate
Questi mulini di pietra calcarea mossi per acqua si trovano nella parte alta del Villa di Omate, dove si macinava il grano per elaborare il famoso "pane di Omate" dal secolo XIX.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI ILO

Piazza di Armi
Centro della città di Ilo.
Centro di attività civiche, a solo 2 stalle del pergolato ed il molo costiero; brilla un'acquasantiera in forma di conchiglia di ventaglio.

Tempio di San Gerónimo
Piazza di Armi della città di Ilo.
Visite: L-S6:00-18:00.
Costruito in 1871 in legno e rivestimento di calamina, oggi è rimodellato ed ampliato. Possiede un'antica pila battesimale costituita per una conchiglia marina, portata da Parigi. Consta di una sola imbarcazione di pianta rettangolare, con un coro alto e facciata simmetrica che finisce in una torre centrale con una lieve curvatura nella liquidazione. Il soffitto ha struttura di tijeral di legno, con coperta di calamina. Richiama l'attenzione una delle tre campane del campanile che porta registrato l'anno1647. Le pareti interne della chiesa furono decorate con pitture con motivi di piante ed angeli, delle quali si conservano alcuni dimostrazioni, specialmente negli angoli e nello zoccolo superiore.

Punta di Cavoli
A 12 km di Ilo, 15 minuti in atto o per via marittima,
Zona di circa 180 ha che è habitat di mammiferi marini come lupi, si stima che esistono tra 3500 e4000, ed una varietà di uccelli guaneras come pellicani, piqueros, guanays, sarchielli e gabbiani, tra altre.

Casone
Costruite nel secolo XIX, si caratterizzano per la sua architettura di soffitto di doppio colmo, ampie stanze e facciate di grandi portoni e finestroni, tra le quali emergono: Unito Gambetta, Sposa Zapata, Sposa Valdivia, Sposa Segovia, Sposa Malatesta, Unito Zepita, Sposa K'arletty, Sposa Jiménez del Fiore, Sposa Vásquez e Sposa Koctong.

Pergolato José Gálvez
Veranda costruita in 1915 su un macigno del litorale; la sua struttura è di ferro, con supporti di legno e soffitto esagonale e è unito a terra ferma per il ponte Venere. È il simbolo che caratterizza ad Ilo e da lì si tiene una bella vista del mare, le imbarcazioni, gli uccelli e, occasionalmente, di lupi marini.

Molla Fiscale
Costruito alla fine di secolo XIX, con supporti di ferro, piattaforma di legno e scale laterali. Rimangono ancora orme delle linee ferree e sopporta di vecchie gru come prova di sforzata la lavoro portuale che si realizzava anticamente.

Museo Navale
Capitaneria del Pergolato.
Visite: L-V8:00-15:00.
Nel suo interno si esibiscono pezzi di gran valore storico della Guerra del Pacifico, reliquie di navigazione marini ed antichi manoscritti dell'Ammiraglio Miguel Grau.

Imbarco Artigianale
Ubicato ad un fianco dell'antica molla fiscale, funziona come imbarco dei pescatori artigianali e come un centro di vendita di pesce. Ambiente chiassoso ed attrattiva nelle quali confluiscono pescatori, imbarcazioni ed inquieti ed amichevoli pellicani.

Museo Algarrobal
L'Algarrobal s/n, 10 minuti del porto in atto.
Si esibiscono diversi oggetti della cultura Chiribaya, tali come vistosi ornamenti in quarzo latteo, ceramica e begli design della sua fiorita arte tessile (fagotti funerari).

Spiagge al nord della città di Ilo

Bocca del Fiume
A 2 km di Ilo, 8 minuti in atto. Spiaggia di sabbia fine nei cui bordi sbocca il fiume Ilo. Dietro gli isolotti di rocce si trova la spiaggia Conchuela che ha una bella vista della baia della città.

Waikiki
A 4 km di Pocoma ed a 33 km di Ilo, 30 minuti in atto da Ilo. Di sabbia chiara e muore e di ondosità moderato. Possono trovarsi grotte piccole tra le rocce delle colline. Resti archeologici nei dorsi prossimi. Può accamparsi.

Porti e spiagge al sud della città di Ilo

Porto Inglese
A 2 km di Ilo, 5 minuti in atto. Accerchiato per elevate scogliere rocciose, simula una piscina naturale di acque quiete e cristalline.

Pozzo di Lisce
A 7 km di Ilo, 12 minuti in atto. Spiaggia ampia, di sabbia chiara e fine, con eccellente vista panoramica, che si estende durante 6 km. È di acque tranquille e di bassa profondità. Ci sono servizio di mobilità e ristorante.

Spiaggia Boliviamar
A 2 km di Coquina ed a 11 km di Ilo, 20 minuti in atto da Ilo. È una frangia di spiaggia aperta e sabbia fine dedita in cessione di uso alla Repubblica della Bolivia.

Tronco di Oro
A 29 km di Ilo, 30 minuti in atto. Spiaggia di sabbia fine, acque tranquilla e bassa profondità; ideale per accampare.

Il Fisco Chiribaya
Valle di Ilo, 20 minuti in atti dalla città di Ilo.
In questa casa tenuta nacque il Maresciallo domingo Nipote, uno dei valorosi fabbri della nostra Indipendenza chi comunicò in importanti battaglie come quelle di Torata, Moquegua e Junín. La facciata ha un portico anteriore con balaustri di legno e soffitti a due acque con vane nell'astial.



ANDARE ALL'IMPAGINA ANTERIOREANDARE ALL'INIZIO DELL'IMPAGINAANDARE AD IL SEGUENTE IMPAGINA


Pagina web creato il 30 marzo di quello2005.
© Copyright 2005 Gualberto Valderrama C.