Ricerca personalizzata


BENVENUTI!!!

UCAYALI



ucayali
SCUDO DEL DIPARTIMENTO DI UCAYALI



DIVISIONE POLITICA
Capitale del Dipartimento: Pucallpa
04 province e 14 distretti.
PROVINCIACAPITALEDISTRETTI
SENTINELLASENTINELLA04
COLONELLO PORTILLOPUCALLPA06
PADRE ABATEAGUAYTIA03
PURUSRASSICURA01
SUPERFICIE: 4102,410 KM2
CLIMA: Caldo ed umido.
TEMPERATURA: Media annuale tra 20 e 32 gradi centigradi.
DISTANZE: Pucallpa - Lima 843 km
Pucallpa - Tingo Maria 255 km
Pucallpa - Huanuco 371 km


INFORMAZIONE GENERALE

ALTITUDINE
Capitale: 154 msnm (Pucallpa)
Minima: 135 msnm, Nuovo Requena,
Massima: 350 msnm, Rassicura,

CLIMA
Il clima della città di Pucallpa, capitale della regione, è piovoso e caldo, con presenza di piogge in tre stazioni, autunno, primavera ed estate. La temperatura media annuale è di 26ºC (79ºF), essendo la massima di 38ºC, 100ºF, e la minima di 21ºC (70ºF). La stagione di maggiori piogge è di dicembre ad aprile. Generalmente, in giugno si presenta un fenomeno climatico conoscente come i "freddi" di San Juan che dura da 3 a 4 giorni, con temperature che discendono e costeggiano tra i 12ºC, 54ºF, e 16ºC (61ºF).

VIE DI ACCESSO
Terrestre: Lima-il Oroya-dorso di Pasco-Huánuco-Tingo María-Aguaytía: 840 km, 20 ore in autobus in stagione secca.
Aerea: Voli regolari da Lima, 1 ora, e da Iquitos, 50 minuti, verso la città di Pucallpa.
Fluviale: Può arrivarsi per via fluviale dalla città di Iquitos fino a Pucallpa, 1021 km,; il viaggio dura tra 3 e 4 giorni in inverno e cominci 6 e 7 giorni in estate per la pianterreno portata dei fiumi.

DISTANZE DA PUCALLPA
Sentinella, Prov. Sentinella, 1 ora via aerea (voli non regolari).
Aguaytía, Prov. Padre Abate, 161 km / 4 ore via terra.
Rassicura, Prov Purús, 1 ora e 10 minuti via aerea (voli non regolari).

AEROPORTO
Aeroporto Internazionale Cap. FAP David Armando Abensur Rengifo.
Carrozzabile Federico Basadre km 5,5. Tel. (061, 57-2767 / fax. 57-5457.

TRASPORTO TERRESTRE
Non esistono terminali. Tuttavia, la maggioranza di imprese si trova in: Jr. 7 Giugno cdras. 7-9; Jr. Raymondi cdras. 6 e 8 e Jr. Tacna cdra. 6.

CENTRI DI SALUTE
- Ospedale Regionale di Pucallpa. Jr. Agustín Cauper285. Tel. (061) 57-5209 / 57-5696.
- Ospedale Amazzonico - Yarinacocha. Jr. Aguaytía605. Tel. (061) 59-6188 / 50-7053 / 59-6408.

DELEGAZIONI POLIZIESCHE
- Polizia Nazionale del Perù - Vidi DIRTEPOL - Ucayali. Av. San Martin cdra. 4. Tel. (061) 57-5257.
- Polizia Nazionale del Perù, Commissariato Pucallpa. Jr. Indipendenza cdra. 3. Tel. (061) 59-1433.
- Polizia Nazionale del Perù, Commissariato Yarinacocha. Piazza di Armi. Tel. (061) 59-6417.

MERCATI DI ARTIGIANATO
I negozi di artigianato si trovano in:
- Jr. Maresciallo Cáceres Cdra. 5.
- Jr. Tarapacá cdra. 8.
- Jr. Tacna cdra. 6.
- Jr. Sucre cdra. 3.
- Passaggio Mayer Cohen.

POSTA
Av. San Martin 418, Pucallpa. Tel. (061) 57-1382. Attenzione: L-S8:00-19:00.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI PUCALLPA

Piazza di Armi della Città di Pucallpa
Circondata di abbondante vegetazione, è di costruzione moderna. In lei sottolineano un obelisco di linee geometriche, l'acquasantiera ornamentale, l'anfiteatro e busti eretti in ricordo dei fondatori e pionieri della città.

Palazzo Municipale
Brandelli Tacna e Sucre di fronte alla Piazza di Armi.
Fu costruito in giugno dell'anno 2001 e sottolineano la sua cupola trasparente di policarbonato ed un terrazza-veranda con vista alla Piazza di Armi. Conta anche su una galleria di arte.

Casa dello Scultore Agustín Rivas Vásquez
Jr. Tarapacá861. Visite: L-S10:00-12:00 e15:00-17:00.
Agustín Rivas fu un scultore riconoscente per i suoi intagli in radici di renaco, albero che cresce sulle rive dei laghi, fiumi, lagune e pantani che rappresentano a personaggi mitici ed etnici e la flora e fauna silvestri della regione. Dentro i suoi pezzi più conosciuti raffigura il Cristo di Petrolio, attualmente conservato in Il Vaticano, Roma.

Scuola Superiore di Formazione Artistico "Eduardo Culli Saravia"
Av. I Pioppeti Mz. F Lt. 15, distretto di Yarinacocha. Visite: L-V9:00-17:00.
Eduardo Culli Saravia fu uno dei massimi esponenti della pittura amazzonica e la scuola presenta dimostrazioni di stile neo-amazzonico, figurativo, surreale e shamánico. Ci sono anche teatro, musica ed un'officina di artigianato in ceramica di argilla, dove possono osservarsi i processi di elaborazione di pezzi di tipo utilitario e decorativo.

Casa del Pittore Pablo Amaringo Shuña - Scuola di Pittura Neo Amazzonico "Usko Ayar"
Jr. Sánchez Cerro465. Visite: L-S8:00-17:00.
Pablo Amaringo è un shaman il cui dimostrazione pittorica è di stile neoamazónico, con enfasi in aspetti paesaggistici, shamánicos ed angelici, dove si apprezza la biodiversità, cosmologia, mitologia ed esoterismo.

Piazza dell'Orologio Pubblico
Intersezione dei brandelli Ucayali, Tacna, Tarapacá e 9 di Dicembre.
È la prima Piazza di Armi che ebbe la città di Pucallpa, costruita tra 1950 e1951. Sottolineano il busto dell'eroe navale peruviano Miguel Grau Seminario ed un gran orologio che incorona una torre di 25 metri il cui faro girevole, in altri tempi, serviva di guida alle imbarcazioni che si avvicinavano a Pucallpa.

Piazzola La Lupuna
Altezza del km 4, entrando per l'antica strada a Yarinacocha, a 2 km di Pucallpa, 15 minuti in atto.
Nella piazzola sottolinea una gigantesco lupuna di circa 200 anni di antichità, l'unico tipo di albero maderable nella zona urbano marginale di Pucallpa. In un suoi rami può vedersi una croce di metallo di 60 cm, perché contano i locali che apparivano esseri strani in quella zona e nelle notti era difficile transitare per di lì, poiché spuntavano elfi ed animali giganti, tra altri.

Comunità Septriónica Shirambari-Barboncocha
Altezza del km 6 del carrozzabile Federico Basadre, distretto di Yarinacocha, 20 minuti in atto da Pucallpa.
Nella comunità Septriónica Shirambari che significa "uomo coraggioso" nel lingua campa, esiste una cocha o laguna conosciuta come "Barboncocha", di 5 m di profondità, di acque tiepide e torbide. È circondata per orti familiari con alberi di cocco, manici, guabas, pallina deodorante rosa, aranci ed altri frutti, come per arbusti e graminacee. Sbocca per un canale alla rotto Shirambari, dove possono realizzarsi passeggiate in canoa, pesca artigianale ed accampamenti.

Centro di Investigazioni della Fondazione Biodiversità
km 13 del carrozzabile Federico Basadre, distretto di Yarinacocha, 30 minuti in autobus da Pucallpa.
Zona boscosa di circa 3 ha, dove si sviluppano coltivazioni ecologiche per sistemi di collarini, accoltellati, pilancos e nidi. Conto con 10 stagno-piscigranjas con pesci della zona (shiruís) shuyos, boquichicos, e possono realizzarsi attività di pesca in piscigranjas, camminate per la selva, osservazione di piante medicinali, frutti silvestri, alberi maderables e farfalle.

Parco Naturale e Museo Regionale di Pucallpa
A 4 km di Pucallpa, 10 minuti in atto. Visite: L-D8:00-17:00.
Creato per proteggere e conservare diverse specie di flora e fauna silvestri come carini, lucertole, otorongos, cervi, sajinos, añujes, lontre, taricayas, azzurro, tucani, pappagalli ed altre specie in vie di estinzione o in situazione di rischio. Possono apprezzarsi alberi maderables, medicinali, arbustive silvestri, palme e da frutta. Esiste anche una piccola laguna dove può passeggiare in scialuppe ed osservare pesci amazzonici e piante acquatiche come loti e huamas.

Nel parco si trova il Museo Regionale di Pucallpa che conserva alcuni specie rappresentative della fauna amazzonica ed una gran collezione di resti fossili trovati nei fiumi Ucayali, Pachitea, Aguaytía ed Urubamba. Uno dei pezzi più attraenti è la mandibola di una gran lucertola o megaterio che abitò nell'Amazonía fa circa 10 milioni di anni. In un'altra sala si esporsi diverse dimostrazioni culturali dei gruppi etnici della regione, come abbigliamenti tradizionali e pezzi di ceramico shipibo-conibo di differenti epoche.

Laguna di Yarinacocha
A 7 km al nordest di Pucallpa, 15 minuti in atto.
Di acque tiepide e tranquille, è un antico meandro del fiume Ucayali, creato per il cambiamento del suo corso. In stagione di piogge la laguna si unisce col fiume Ucayali attraverso canali o "tubi", dinamica che gli dà una gran ricchezza ittiologica, permettendo che le sue acque si rinnovino periodicamente. Nella laguna può pescarsi, fare sci acquatico, nuotare, remare ed osservare delfini di acqua dolce. In Porto Callao, imbarco artigianale della laguna, possono contrattarsi scialuppe per dirigersi a differenti comunità meticcie e native dell'etnia Shipibo-Conibo.

Sottolineano le comunità native di San Francisco e Nuovo Destino ed il Casale 11 di Agosto o "Casale di Cesteros", chiamato così perché molte donne di dedicano all'artigianato elaborato con fibre vegetali che sono raccolte nei boschi naturali. Col germoglio di canna valorosa, bombonaje e corteccia di banana tessono a mano cesti, portafogli, ventagli, cappelli, paniere ed una gran varietà di articoli utilitari.

Comunità Nativo San Francisco
A 14 km di Porto Callao in Yarinacocha, nella sponda sinistra della laguna, 1 ora in scialuppa a motore o peke peke dal porto o 30 minuti in atto da Pucallpa.
È il centro popolato più antico e numeroso tra le comunità native dell'etnia Shipibo-Conibo nella zona. Vivono della caccia, la raccolta e la coltivazione e conservano le sue abitudini e cultura attraverso l'artigianato, lingua, rituali, danze, musica, abbigliamento, gastronomia, uso di piante medicinali e di materiali propri della zona per costruire le sue abitazioni. Nei paraggi possono realizzarsi camminate, accampamenti ed osservare la flora e fauna silvestri. Si organizzano anche "sessioni shamánicas", con rituali e presa di ayahuasca, allucinogeno che usano gli shamanes per entrare in trance ed accedere alla saggezza e poteri soprannaturali.

Comunità Nativa di Santa Chiara
A 15 km di Porto Callao, nella sponda sinistra della laguna Yarinacocha, 1 ora e 10 minuti in scialuppa a motore o peke peke.

È una comunità dell'etnia Shipibo-Conibo; i suoi colonizzatori conservano ancora la cultura del suo ancestros e si dedicano all'agricoltura, l'artigianato e la pesca.

Laguna Cashibo-Cocha
A6.5 km di Porto Callao in Yarinacocha, 20 minuti in atto.
Questa laguna è di origine tettonica e è ideale per la pesca sportiva e passeggiate in scialuppe. Nei suoi bordi si trovano collocate diverse comunità meticcie e native dell'etnia Shipibo-Conibo, sottolineando le comunità native di Santa Teresita e San Salvatore. Il canale Cashibo si collega con la laguna Yarinacocha.

Comunità Nativa di Nuovo Destino
A 16 km di Porto Callao in Yarinacocha, 1 ora in scialuppa o 15 minuti in atto da Pucallpa.
Comunità shipiba nel quale può acquisirsi artigianato. In alcuni casi si conserva il baratto o scambio di prodotti.

Giardino Etno-botanico Chullachaqui
A 9 km di Porto Callao in Yarinacocha, 30 minuti in atto. Tel. (061) 59-6627.
Motivato in 1988, questo centro di investigazione ha come oggettivo la conservazione, il rimboschimento della flora amazzonica e la produzione e vendita di piante medicinali. Si conta su informazione registrata di più di 2300 specie di piante medicinali e si sono identificati le proprietà curative di circa 600, come la chancapiedra, l'abuta, il jergonsacha, il chuchuhuasi, l'unghia di gatto, l'achiote ed il sangue di grado. Il posto offre servizio di consultazioni medici naturisti. Nella cocha o laguna Ishishimi, ubicata nel giardino, può pescarsi e passeggiare in canoa.

Lagune Pepe Cocha e della Gioventù
A 34 km di Pucallpa, per il carrozzabile Federico Basadre fino a Campo Verde. (30 minuti in atto,; dopo 5 km di Campo Verde fino all'intersezione a Pepe Cocha per il carrozzabile Capestro a Tournavista, 7 minuti in atto.
Queste lagune furono costruite artigianalmente tra 1970 e 1975 a partire da dighe di sbarramento di acqua, quando si stabilirono nel posto colonie di immigranti giapponesi conformate per agricoltori ed allevatori. Abbonda le specie hidrobiológicas e nei suoi paraggi si trovano esteso sembríos di pepe, citrici e fundos di bestiame bovino.

Laguna Imiría
A 200 km al sudovest di Pucallpa, distretto di Masisea, 4 ore in scialuppa a motore per i fiumi Ucayali e Tamaya.
Deve il suo nome all'imiría, una piccola pianta galleggiante di fiore giallo rossiccio che, con loti e putuputos, copre gran parte dei suoi bordi in epoche di cresciute. È di origine tettonica, dove piante acquatiche formano isole galleggianti che sono spostate per il vento, cambiando istantaneamente i begli paesaggi. Ideale per la pesca e le passeggiate in canoa e scialuppe. Il suo specchio di acqua è di 38,14 km2, ha numerose entrate a terra chiamate "risacche", oltre a circa 15 isolotti coperti di vegetazione. Nel suo riveras si sono stanziati diverse comunità meticcie e native dell'etnia Shipibo-Conibo; quelli di maggiore interesse sono Junín Pablo e Caimito.

Laguna Chauya
A 5 ore di Pucallpa, distretto di Masisea, in scialuppa a motore navigando per i fiumi Ucayali e Tamaya, ed a 1 ora della laguna Imiría, per il "tubo" Chauya.
È di origine tettonica ed abbondano i risorse hidrobiológicos e la flora acquatica, con la quale si formano isole galleggianti mosse per il vento.

Istituto di Investigazione dell'Amazonía Peruviano IIAP-Ucayali
Altezza del km 12 del carrozzabile Federico Basadre, 35 minuti in autobus da Pucallpa,
Qui può osservarsi la tecnologia e produzione agroindustriale ed agroforestal, acuicultura, lombricultura, piante ornamentali, biocidas e medicinali, sottolineando le piscigranjas di paiches, gamitanas, pacotanas e tylapias.

Gola e Laguna Cumacay
Partendo del distretto di Masisea per il fiume Ucayali, vicino alla bocca del fiume Pachitea, si trova la rotto Cumacay, per la quale si versa alla laguna Cumacay, uno dei più grandi e ricche in risorse ittiologiche, specialmente per la pesca di paiches, pirañas e vi sbuffi, perché esiste la credenza tra i nativa della zona che i vi sbuffi si trasformano in esseri umani e si portano alle sue donne.

Pacachi - Antigua Ahuaypa - Betlemme
A 3 ore del distretto di Masisea in terreno scivoloso, si arriva alla comunità nativa di Pacachi, abitata per colonizzatori dell'etnia Shipibo-Conibo che conservano le sue abitudini e tradizioni ancestrali. Antico Ahuaypa e Betlemme sono comunità native della stessa etnia che si sentono collocate nelle rive del fiume Ucayali, con gli stessi usi ed abitudini.

Distanze dalla città di Pucallpa:

- Sentinella (Provincia di Sentinella) 1 ora via aerea (voli non regolari)
- Aguaytía (Provincia di Padre Abate) 161 km / 4 ore via terra.
- Rassicura (Provincia di Purús) 1 ora e 10 minuti via aerea (voli non regolari).


ATTRATTIVE TURISTICHE DI PURUS

Piazza di Armi
Di costruzione moderna, sottolineano il pergolato circolare, la fila di bandiere e l'acquasantiera.

Cocha L'Anguillal
Questa cocha è ideale per pescare ed il suo nome deriva dall'abbondante esistenza di anguille, animale acquatico di forma allungata e tonalità oscura, che possiede carico elettrico.

Comunità Nativa Palla di Oro - Pankirentsi - Tre Palle
Da Porto Rassicura, navigando per la sponda sinistra del fiume Purús, fiume sotto, si trova la comunità nativa Palla di Oro, dell'etnia Shandinahua, affezionata all'agricoltura, la pesca e la caccia di animali. Seguendo il percorso stanno la comunità asháninka Pankirentsi, comunità agricola che conserva le sue abitudini ancestrali, e la comunità Tre Palle, dell'etnia Mastanahua i cui abitanti fabbricano artigianato (cestería). La zona è circondata di abbondante vegetazione e specie di uccelli.

Comunità Native San José - Conta - Nativo Pinkiniki - Cantagallo - San Martin
Da Porto Rassicura, si naviga per il fiume Purús, fiume sopra.
Sono comunità dell'etnia Cashinahua i cui colonizzatori si dedicano maggiormente all'agricoltura, la caccia e la pesca e hanno saputo preservare le sue abitudini, le sue tradizioni e la sua lingua. Può acquisirsi artigianato proprio della zona come corone di piume di uccelli, bigiotteria e tessuti in cotone (cushmas) amahacas, borsette.

Comunità Nativo Sapote - San Marcos - Nuova Speranza - Miguel Grau - Cocha Sopa di Cocha"
Da di Porto Rassicura, navigando per il fiume Purús, fiume sopra.
Si tratta di diverse comunità delle etnie Culina, Sharanahua e Cashinahua i cui abitanti preservano le sue abitudini, la sua lingua e le sue tradizioni. Si dedicano maggiormente alla pesca, l'agricoltura e la caccia. Nella zona può pescarsi, nuotare, passeggiare in canoa, osservare la diversità di flora e fauna e realizzare camminate.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI PADRE ABATE

Aguaytía
A 161 km di Pucallpa per il carrozzabile Federico Basadre.
Conto con due ponti pendenti di 800 metri di longitudine che attraversano il fiume Aguaytía. Uno di essi fu costruito tra 1939-1942 ed ambedue sono considerati i più lunghi del Perù. Da un moderno molo possono osservarsi imbarcazioni tipiche che approdano e partono verso distinte comunità native delle etnie Cacataibo e Shipibo-Conibo. I paesaggi naturali sono propri del sopracciglio di selva, di natura montagnosa, con stretto e profonde valli di pendenze pronunciate; in lontananza si scorge un tratto della Cordigliera Azzurra.

Acciuga del Padre Abate
A 183 km di Pucallpa, 4 ore in autobus, o a 22 km della località di Aguaytía, 20 minuti in atto.
Ubicato nella Cordigliera Azzurra, chiamata così per il colore che offre da lontano, e è l'unico passo eroso per il fiume Yuracyacu, fluente del fiume Aguaytía che presenta pareti rocciose di più di 100 metri. Durante questo corridore di 2 miglia di longitudine si osservano circa 70 cadute di acqua cristalline e fredde; le più abbondanti sono quelle del Velo della Fidanzata e la Doccia del Diavolo. È possibile osservare pitture rupestri in alcuni rocce ed i suoi boschi di foschia albergano una gran biodiversità. L'Acciuga fu scoperta in 1757 per il padre Francisco Alonso di Abate e facilitò la costruzione del carrozzabile Federico Basadre.

Il Velo della Fidanzata
Acciuga del Padre Abate - Cordigliera Azzurra
È la caduta di acqua più abbondante della zona. Le sue acque fredde e cristalline iniziano la sua discesa dalle montagne; un primo salto di 40 m evacua le sue acque per un canale angusto che dà inizio ad un secondo salto di circa 60 m, lo stesso che continua ad allargarsi finalmente fino a raggiungere una media di 6 m l'altezza della pozzanghera di acque verdi che sboccano, nel fiume Yuracyacu. È circondata per esuberante vegetazione dove predominano felci, begonie, orchidee e palme, che appendono sfidando la gravità.

La Doccia del Diavolo
Acciuga del Padre Abate - Cordigliera Azzurra
Ha una media di 100 m di altezza di un assolo salto. Le sue acque fredde e cristalline lavano una gran roccia, dove la natura ha intagliato una fortuna di viso simile ad un essere diabolico. La caduta forma una pozzanghera di circa 10 m2 e c'è una veranda vicina da dove può osservarsi il fiume Yuracyacu.

Stazione Sperimentale Alexander Von Humboldt
A 86 km di Pucallpa per il carrozzabile Federico Basadre
Ha 1766 c'è di bosco umido tropicale e possiede una gran diversità biologica, dove sottolineano specie maderables di 200 anni che raggiungono fino a 60 m di altezza come il mogano, vite, moena, requia, capirona, cedro, olio caspi, catahua, lupuna e mandorla, tra altri. Troviamo anche chiodo huasca, pagliericcio sarchia, unghia di gatto, sanango ed altre piante medicinali, come palme, bambú, orchidee, felci, lianas e funghi. La stazione è habitat di una gran diversità di fauna silvestre amazzonica come are, pappagalli, paucares e pernici; serpenti come pagliericci, pappagalli machacos, boa ed afaningas; mammiferi erbivori come sajinos, añujes e huanganas; oltre a farfalle, insetti e pipistrelli.

Caduta di Acqua Santa Rosa
Da Villa Aguaytía, per il carrozzabile Federico Basadre, si arriva al casale Santa Rosa, 2 ore e 30 minuti in atto,; una camminata per terreno incidentato dal casale, 1 ora, porta alla caduta di acqua Santa Rosa, circondata di esuberante vegetazione, come di animali propri della zona, questa caduta ha 150 m di altezza aprox. e forma una pozzanghera di 10 m2 nella quale normalmente si osserva la formazione di due arcobaleno.

Casali La Punta - Centro Yurac - Shambillo
In questa zona possono osservarsi distinte forme di coltivazione di frutte nei diversi piani altitudinales della regione. Da Villa Aguaytía, per il carrozzabile Federico Basadre, 7 minuti, si arriva al casale La Punta, nel quale si trovano le piantagioni di palmo ed ananas. Nel casale Centro Yurac, nella riva del fiume dello stesso nome, possono visitarsi piantagioni di cacao, camu camu, papaya e banana. Il casale Shambillo conta su piantagioni di palma olearia.

Comunità Nativo Porto Azzurro
Da Villa Aguaytía si naviga per il fiume Aguaytía, 1 ora e 30 minuti in scialuppa a motore.
Il tragitto permette di contemplare la Cordigliera Azzurra ed osservare piantagioni di diverse frutte come papaya e banane, tra altre. Una volta nella comunità nativa di Porto Azzurro, dell'etnia Cashibo-Cacataibo, i visitatori possono apprezzare il suo artigianato, abbigliamento tipico, abitudini, gastronomia, oltre alla sua lingua nativa. Nelle vicinanze si osservano specie di flora e fauna silvestri sfruttate per i nativi per la sua sussistenza.

Comunità Nativo Sinchi Roca
Da Villa Aguaytía si approda al paese di San Alejandro per il carrozzabile Federico Basadre, 2 ore in atto,; dopo si naviga in terreno scivoloso per il fiume San Alejandro, fino alla comunità nativo Sinchi Roca, 2 ore in scialuppa a motore, dell'etnia Cashibo-Cacataibo. I colonizzatori conservano abitudini ancestrali (vestiti) bigiotteria, armi di caccia e pesca, gastronomia, e la sua lingua nativa. Diverse scorciatoie permettono di osservare la natura della zona.


ATTRATTIVE TURISTICHE DI SENTINELLA

Piazza di Armi o Piazza Juan Sacro Atahualpa
Piazza di costruzione moderna nella quale si erige la statua a Juan Sacro Atahualpa. La cattedrale San Antonio di Padova si trova vicino alla piazza.

Cappella del Convento delle Madri Francescane
Vicino alla Piazza 29 di Maggio
Fu la prima chiesa del paese, dove si trova ancora la casa parrocchiale delle prime religiose dell'ordine francescana che arrivarono dell'Italia ad evangelizzare questa zona. La Piazza 29 di Maggio, per il suo lato, fu la prima a costruirsi in Villa Atalaya in1928.

Molo di Villa Atalaya
Il molo offre una vista panoramica del fiume Tambo prima della sua confluenza con l'Urubamba per formare l'Ucayali.

Comunità Native Aeríja e Missione Unini e Casale di Diamante Azzurro
Ubicate al sud di Villa Atalaya
Appartengono all'etnia Campa-Asháninka. Queste comunità conservano le sue abitudini ancestrali, come la sua gastronomia.

Rotto Aeríja e Quipachari
Le rotti Aeríja e Quipachari si trovano vicino ad Aeríja e presentano la formazione di pozzanghere naturali circondate di abbondante vegetazione. Aerija è un vocabolo arahuaco che significa "api", e si arriva lì da Villa Atalaya, 15 minuti in atto,; Quipachari è il nome dei semi che utilizzano le donne per adornare le sue gonne in arahuaco.

Rotto Canuja
A 8 km. di Villa Atalaya, via acquatica e terrestre,
L'acqua germoglia di un occhio di acqua che si trova tra enormi rocce, è di corso sinuoso e sbocca nel fiume Tambo. Nelle sue vicinanze si trovano una piccola centrale idroelettrica ed i monoliti di pietra "Canuja", con incisioni che paragonano la forma di lumache di fiume, stelle, soli e laghi.

Tigre di Pietra o Toro Cacciato
A 20 min di Villa Atalaya per via acquatica o a 1 ora di camminata dai bordi del fiume Tambo.
Monolito di 6 tonnellate, 5 metri da lontano e 3 metri di altezza, circondato di abbondante bosco. Le incisioni non sono state ancora decifrate.

Laguna Incantata
A 20 km di Villa Atalaya in atto. A 8 ore da Villa Atalaya a piedi ed a 5 ore dalla Comunità Nativa di Unione Canuja, ubicata nelle rive del fiume Tambo.
Si tratta di una zona montagnosa della catena di dorsi che formano il versante del fiume Unini. Le sue acque sono habitat di pesci ornamentali, lucertole e paperi silvestri.

Cascate di Corintoni
Si spacca della comunità nativa Missione Unini, da dove si scorge il dorso Mencoremón, di gran misticismo per i nativi, 30 minuti a piedi. Le cascate di Corintoni sono immerse in un territorio praticamente vergine.

Collpa di uccelli prensili
A 2 ore di Villa Atalaya, via acquatica,
In una collina che separa i versanti dai fiumi Urubamba ed Inuya si ammucchiano giornalmente centinaia di are, pappagalli ed altri uccelli amazzonici per completare la sua alimentazione con l'argilla che contiene sali minerali che serve per neutralizzare le tossine dei frutti e semi che ingeriscono.

Grotta delle Due Finestre o Grotta di Buenos Aires
A 55 min di Villa Atalaya, via acquatica.
La Grotta di Buenos Aires si denomina così per la vicinanza alla comunità nativa dello stesso nome, è ubicata in mezzo al bosco e presenta un'entrata triangolare in forma di grotta. Nell'interno ha una fortuna di mezzanine che porta a due finestre naturali che somigliano occhi felini ed un ruscello di acque cristalline. È rifugio di diversi animali come pipistrelli di gran volume, civette ed insetti.

Rotto Sapani
A 15 km di Villa Atalaya, 30 minuti in terreno scivoloso,; o per la strada che va verso Unini, 1 ora in atto.
Questa gola di acque fredde e cristalline, con pozzanghere naturali, è circondata di abbondante vegetazione e è di suolo roccioso. In suo nascente si trovano varie cadute di acqua.

Grotta di Tambo Ushco
A 9 km di Villa Atalaya, via terrestre.
Questa caverna ha varie pozzanghere di acque fredde e cristalline, dove abitano pesci e crostacei. Nell'interno esistono naturalmente anfore coltivate in roccia.

Il Gran Pajonal
A 25 min di Villa Atalaya, via aerea.
Il Gran Pajonal ha 1715 km2 di terreno montagnoso e rotto, e è circondato per i fiumi Perené, Pachitea, Tambo ed Alto Ucayali. La sua popolazione conserva le sue abitudini ancestrali.



ANDARE ALL'IMPAGINA ANTERIOREANDARE ALL'INIZIO DELL'IMPAGINAANDARE AD IL SEGUENTE IMPAGINA


Pagina web creato il 30 marzo di quello2005.
© Copyright 2005 Gualberto Valderrama C.